Cerca
  • ASANA Comunicazione

Riduzione del canone di affitto: quando e come si richiede?

La riduzione del canone di affitto può essere richiesta nei seguenti casi:

1. Riduzione della situazione economica dell’inquilino

2. Presenza di difetti nell’immobile

3. Urgenti lavori di ristrutturazione



RIDUZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DELL’INQUILINO

Il Decreto Ristori, introdotto dal Governo per incentivare alcune situazioni economiche stagnanti, chiarisce che l’inquilino può richiedere una riduzione del canone di locazione qualora ci fossero diminuzioni della sua situazione economica.


Il proprietario può decidere se accogliere la richiesta o se rifiutarla, suggerendo un cambio di sistemazione.


Il Decreto introduce il bonus affitti. Ovvero la concessione di uno sconto sul canone mensile. Vi sono però dei limiti entro i quali agire:

1- Si può richiedere solo per immobili ad uso abitativi situati in un comune ad alta tensione abitativa e solo se è l’abitazione principale dell’inquilino

2- Il contratto di locazione deve essere in atto da 29 ottobre 2020


A quanto ammonta?

Il contributo che verrà concesso al proprietario dell’immobile è pari al 50% rispetto alla riduzione del canone ed entro un massimo di 1200 Euro annui per ogni locatore.



PRESENZA DI DIFETTI NELL’IMMOBILE

Può anche accadere che l’inquilino noti alcuni malfunzionamenti o problematiche dell’immobile (pensiamo ad esempio a un impianto d’areazione non funzionante) quando il contratto è già stato firmato.

In questo caso, questi difetti andranno a ridurre il valore dell’immobile e le parti dovranno ridurre l’ammontare economico precedentemente stipulato.



URGENTI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE

L’articolo 1584 del Codice Civile prevede che se l'esecuzione delle riparazioni si protrae per oltre un sesto della durata della locazione e, in ogni caso, per oltre venti giorni, l’inquilino ha diritto a una riduzione dell’affitto.



Come si comunica la riduzione del canone di affitto?

Le parti dovranno sottoscrivere una scrittura privata nella quale definiscono la diminuzione del canone di affitto e ne specificano i motivi.

Sarà possibile comunicare la riduzione del canone di affitto direttamente via web con il Modello RLI. Inoltre, la registrazione della scrittura con cui le parti si accordano sulla riduzione del canone è esente dall’imposta di registro e di bollo.



Vuoi restare aggiornato su tutte le novità che riguardano il settore immobiliare? Inizia a seguire i nostri canali social!

Ci trovi sia su Instagram che su Facebook!




5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti